Telescopi: guida completa, informazioni, istruzioni per l’uso

I telescopi sono complessi strumenti ottici che permettono l’osservazione delle stelle e dei corpi celesti. Con la diffusione di questi prodotti nel mercato, destinati anche ad utenti “comuni”, sempre più persone hanno, per curiosità, acquistato un telescopio. Con l’aumentare degli utenti che acquistano un telescopio aumentano anche le domande nei forum e nei blog: “come oriento il mio telescopio?” oppure “dove posso riporre il telescopio quando non lo uso?” e così via. Per questo motivo, nella guida di oggi vi diremo tutto ciò che c’è da sapere sull’utilizzo dei telescopi: dalla preparazione alla manutenzione!

Introduzione.

Per capire come si debba usare in modo adeguato un telescopio, occorre prima capire come sia fatto. I telescopi domestici sono cilindri di materiale plastico/metallico al cui interno sono posizionate delle lenti. Ad un’estremità del telescopio, solitamente quella più grande, troviamo la lente esterna che va puntata verso il corpo celeste che si desidera osservare. Dall’altra parte, invece, troviamo una o più postazioni per avvicinare l’occhio e osservare. I telescopi sono anche muniti di un sistema(solitamente a vite) che permette di regolare l’inclinazione e l’altezza del telescopio, così facendo si può puntare con precisione lo strumento ottico verso il corpo celeste da osservare.

Come orientare un telescopio nel modo corretto.

Per imparare ad utilizzare un telescopio non esiste metodo migliore se quello di usarlo per osservare la Luna. Il nostro satellite naturale, infatti, rappresenta un bersaglio grande e ben visibile ad occhio nudo: l’obiettivo perfetto per imparare a regolare le lenti del proprio telescopio. Vediamo, uno per uno, quali sono gli step da seguire per imparare ad orientare il proprio telescopio.

Step uno: posizionare il telescopio. Il nostro prezioso strumento ottico va posizionato su una superficie piana, stabile e possibilmente asciutta: vogliamo ridurre al minimo le possibilità di una caduta accidentale che possa portare al danneggiamento dello strumento. Dopo aver scelto la superficie adatta si può posizionare il telescopio: la maggior parte degli strumenti ottici per l’osservazione dei corpi celesti possiede un treppiede facile da aprire e fissare.

Step due: orientare il telescopio. Per orientare il telescopio è bene agire in due modi diversi: prima bisogna orientare il telescopio “a grandi linee”, ossia puntarlo nella direzione generica del corpo celeste da osservare (il nostro consiglio è sempre quello di scegliere la Luna o addirittura un oggetto terrestre molto) dopo di che si può procedere ad orientare con precisione il telescopio per osservare il proprio obiettivo. Per orientare “a grandi linee” il telescopio, non occorre far altro che posizionare la parte più grande dello strumento nella direzione dell’oggetto che si vuole osservare. Per regolare con precisione l’orientamento del corpo celeste, invece, occorre agire sul meccanismo di regolazione di altezza e inclinazione incluso con lo strumento; solitamente si tratta di viti molto lunghe alle cui estremità sono poste delle manopole da girare. Girando le manopole il telescopio cambierà leggermente l’inclinazione o l’altezza; per regolare in modo preciso il telescopio vi consigliamo di continuare a guardare all’interno dello strumento e muovere con delicatezza le manopole.

Step tre: bloccare il telescopio. Questo step in particolare non è obbligatorio nè possibile con tutti i modelli di telescopi, si tratta di bloccare le manopole, le viti e, in generale, tutto il sistema di regolazione dell’altezza e dell’inclinazione del telescopio, per far si che si lo strumento rimanga immobile. Questo step è utile soprattutto se, ad esempio, ci si appoggia sullo strumento ottico per osservare i corpi celesti: in questo modo si evitano spostamenti accidentali che ci costringerebbero a orientare nuovamente il telescopio. Se bloccate il vostro telescopio, ricordatevi di allentare tutti i fermi prima di riporlo!

Come riporre, conservare e effettuare la manutenzione del telescopio.

Come già detto in precedenza i telescopi sono strumenti estremamente fragili: una caduta, un urto accidentale o delle vibrazioni troppo intense potrebbero essere fatali per questo prezioso oggetto. Dato che, in molti dei prodotti più economici, il telescopio non include un’apposita custodia o protezione di qualsiasi tipo, vi consigliamo vivamente di scegliere un posto adatto per la conservazione del telescopio ancora prima di acquistarne uno. Il “luogo sicuro” per il nostro strumento ottico di osservazione degli astri deve essere lontano dalla portata di cani, gatti e bambini; in più deve essere lontano da luoghi di lavoro o aree della casa in cui si maneggiano attrezzi pesanti (capanni degli attrezzi, garage e così via).

Il telescopio deve essere periodicamente pulito per evitare la formazione di patine di sporco sulle lenti esterne, che limiterebbero la visuale. Pulire le lenti del microscopio è un processo molto semplice e si può effettuare con l’ausilio di un prodotto per la pulizia delle lenti degli occhiali  o un prodotto per la pulizia della casa specifico per le vetrate.

E’ buona norma riporre il telescopio smontandolo dal suo treppiede: così facendo si riduce la possibilità di eventuali cadute accidentali. Inoltre, sempre per ridurre al minimo il rischio di cadute, quando lo si ripone bisogna ricordare che è un oggetto cilindrico, quindi propenso a rotolare se riposto su superfici inclinate. Il nostro consiglio è quello di dedicare un angolo di un ambiente sicuro per riporre il telescopio al livello del pavimento, in verticale se possibile, sopra un panno. Nello stesso angolo dell’ambiente scelto si possono comodamente riporre anche tutte le altre parti del telescopio senza alcun problema, così da creare un angolo dedicato al nostro telescopio!

Alcuni telescopi, invece, sono molto piccoli e dotati di una pratica valigia in cui riporre il prodotto una volta smontato. In questo caso, se si ha la pazienza di smontare e rimontare lo strumento ogni volta che lo si usa, è una buona idea usare la valigia venduta con il prodotto per ottenere una protezione extra. E’ possibile, inoltre, acquistare appositi scaffali per riporre alcuni modelli di telescopi, quest’offerta non è disponibile per tutti i prodotti di questo tipo ma, ciò non di meno, vi consigliamo di dare un’occhiata al sito web del produttore del vostro telescopio, potreste trovare delle soluzioni molto interessati per riporre il vostro strumento ottico.

Questo è tutto per la nostra guida completa all’utilizzo dei telescopi, speriamo vi sia stata utile!

Nel mio studio grafico, mi occupo di: grafica pubblicitaria con soluzioni eco-sostenibili, web design, grafica per eventi, grafica per il web e la stampa, ed illustrazione. Inoltre, da tempo collaboro con aziende e case editrici per la redazione di articoli e contenuti multimediali.
Arte, lettura, illustrazione e fotografia… per lavoro e per passione!

Back to top
menu
binocolitelescopieottica.it